Carnevale in Spagna: Dove festeggiarlo


17 February 2020 | Guide
Carnevale in Spagna: Dove festeggiarlo

Di tutte le feste folli che si svolgono nella penisola iberica durante tutto l'anno, non c'è niente di più selvaggio delle celebrazioni del Carnevale in Spagna, che si tengono alla fine di Febbraio e che non hanno eguali con le altre che si svolgono nelle altre nazioni europee, Francia e Italia incluse.

Carnevale in Spagna, cosa devi sapere

La settimana della festa che precede la Quaresima, in particolare, è una delle più sentite in Spagna, perché in quei giorni vengono ospitati alcuni dei migliori e più grandi Carnevali d'Europa, che hanno un solo rivale diretto dall'altra parte dell'Oceano: il Carnevale di Rio de Janeiro.

Come in altre parti del mondo, anche in Spagna ci sono diverse speculazioni sulle origini del Carnevale. Per alcuni il termine Carnevale deriva dal latino "Carne levare", che significa "togliere la carne", con un chiaro riferimento agli eccessi e ai bagordi che avevano luogo prima della ben più cupa Quaresima.

Alcuni ipotizzano invece che il moderno Carnevale derivi da un'antica festa tipica del solstizio invernale romano, i Saturnalia, durante la quale i partecipanti, oltre a girare svestiti (o vestiti di poco o nulla), bevevano molto e ballavano fino alle prime ore del mattino.

E non è finita qui: si ritiene che, proprio durante le Saturnalia, siano apparsi anche i primi carri da parata, che allora erano chiamati "carrus navalis".

Con queste chiare origini pagane è facili capire perché Francisco Franco, il crudele dittatore militare spagnolo, abbia bandito il Carnevale per oltre quarant'anni!

C'è anche però da dire che la Spagna, malgrado la dittatura franchista, non solo ha ripreso alla grande il tempo perso, ma in più è riuscita a diventare in poco tempo una delle destinazioni carnevalesche più amate dai festaioli.

Il Carnevale in Spagna viene celebrato a livello nazionale, anche se le feste più indiavolate sono quelle che si tengono alle Isole Canarie, a Cadice e a Sitges. Ogni città, dalla più piccola alla più grande, ha il suo modo unico per divertirsi e la sua celebrazione, ma c'è un altro dettaglio che distingue il carnevale spagnolo da tutti gli altri: tutti vogliono solo far festa e non pensare al resto!

Nessuno, soprattutto nelle tre destinazioni principali che ti abbiamo citato, sembra dormire, l'alcol e le bevande analcoliche scorrono a fiumi e tutti, nessuno escluso, ballano dal tramonto fino alle prime ore dell'alba.

Se quest'anno sceglierai di trascorrere il periodo carnevalesco in Spagna, vedrai costumi stravaganti e persone in maschera dappertutto e, in uno qualsiasi dei carnevali spagnoli, ti divertirai molto di più a partecipare anche tu al mascheramento che non a guardare.

 

Il Carnevale di Santa Cruz a Tenerife

Il Carnevale di Santa Cruz, situata sull'isola di Tenerife, è forse la più grande festa carnevalesca che si tenga in Europa. Simile per alcuni aspetti al ben più famigerato Carnevale di Rio, oltre che sui carri e sui costumi colorati, punta molto sui concorsi di bellezza, su quelli di ballo e su altri contest di vario tipo.

Uno dei primi, nonché più pubblicizzati, eventi del Carnevale di Santa Cruz è l'elezione della regina del Carnevale, in cui si vedono sfilare centinaia di ragazze bellissime con indosso costumi stravaganti e straordinari, pieni di perline, lustrini, raso e piume, uno più appariscente dell'altro.

Tieni solo a mente che, per partecipare alla maggior parte degli eventi che si svolgono al Carnevale di Santa Cruz, dei procurarti dei biglietti a pagamento. Se però non riesci, oppure viaggi low budget, niente paura: puoi sempre andare ai Mogollones, delle feste all'aperto che vengono organizzate sia dai privati sia dai bar.

Le celebrazioni occupano interi pezzi di città e tutti sono ansiosi di divertirsi, quindi fai lo stesso!

 

Carnevale a Cadice: cosa fare

Sulla costa meridionale della Spagna troverai un altro tipo di Carnevale, ma non per questo meno divertente: il Carnevale di Cadice.

Mentre il Carnevale di Santa Cruz a Tenerife cerca in tutti i modi di guadagnarsi la palma d'oro per il Carnevale più divertente, esagerato e chiassoso della Spagna, ciò che contraddistingue il Carnevale di Cadice dal primo è la sua grande e variegata offerta musicale.

In qualsiasi punto delle strade affollate, troverai gruppi che si esibiscono sulle piazze, nei vicoli o su carri montati all'aperto. Il liuto e la chitarra sono gli strumenti più gettonati e, la maggior parte delle canzoni, sono a contenuto satirico, ma di questo non c'è da stupirsi: gli abitanti di Cadice sono noti per avere uno tra i migliori senso dell'umorismo della Spagna e la musica riflette ampiamente questo.

I politici, il clero e le celebrità sono tutti presi in giro allegramente e i costumi, pur essendo stravaganti, si concentrano più sull'intelligenza, sull'arguzia e sui doppi sensi.

Se le canzoni satiriche non sono il tuo genere, puoi anche trovare musica rock in Plaza Catedral, teatri di strada e spettacoli pirotecnici.

 

Il Carnevale di Sitges, l'anima meno conosciuta della Spagna

Situato a mezz'ora di auto a sud ovest da Barcellona, il Carnevale di Sitges è il più piccolo della Spagna, ma è molto conosciuto per essere molto gay friendly e anche per la presenza di una colorata e numerosa comunità LGCBT.

Anche se ormai si possono vedere i cross dresser un po' ovunque, è a Sitges che viene fuori tutto il talento delle draq queen europee.

Dai un'occhiata alla Rua de la Disbauxa e alla Rua de l'Extermini per ammirare le due famose sfilate a tema che sfoggiano non solo carri colorati e decorati, ma anche alcuni dei costumi più audaci e luminosi che tu abbia mai visto.

L'ultimo giorno potrai assistere ad alcuni dei migliori spettacoli di travestimento che l'Europa abbia da offrire, quindi se sei un appassionato di drag queen o di drag kings, prenota i i biglietti con molto anticipo.

 

Carnevale in Spagna: Gli altri posti in cui andare a far festa

Se non riesci ad andare a una di queste tre feste favolose, non preoccuparti, perché la Spagna ha molti altri Carnevali che meritano sicuramente il tuo tempo e la tua attenzione.

A Las Palmas de Gran Canaria, giusto per fare un esempio, ci sono grandi celebrazioni concentrate nel parco di Santa Catalina e solo poche di esse richiedono il pagamento di un biglietto d'ingresso.

Madrid non organizza feste sfrenate come Tenerife o Cadice, ma ci sono sfilate ed eventi in maschera che culminano con la tradizionale "Sepoltura della Sardina" il Mercoledì delle Ceneri.

Questo evento segna l'inizio della Quaresima quando i "becchini", vestiti a lutto, portano una sardina di cartone al Fuente de los Pajaritos e la seppelliscono con tanto di bara!

Gli eventi a Barcellona invece sono piuttosto limitati, in quanto il ritorno del Carnevale viene visto come un riconoscimento dei diritti del popolo della Catalogna dopo aver subito per quarant'anni la dittatura di Francisco Franco, che bandì questi festeggiamenti dallo Stato in quanto ritenuti pagani e non in linea con il credo franchista.

Ti abbiamo incuriosito e vuoi scoprire come si festeggia il Carnevale in Spagna? Bene, è il momento di iniziare a fare le valigie, perché fino al 28 febbraio 2020 potrai ricevere un fantastico BUONO SCONTO IBEROSTAR che ti permetterà di risparmiare fino al 20% sui migliori hotel in Spagna e nel Mediterraneo!

E le sorprese non finiscono qui: solo in esclusiva per i lettori del blog di Doverisparmiare, Iberostar regalerà anche un buono da 50 euro che potrà essere utilizzato per il consumo del catering e per la SPA.

Cosa aspetti? Il Carnevale in Spagna ti attende per farti divertire e regalarti emozioni magiche e momenti unici e irripetibili. Olé!

Aggiungi un commento